• cappellano
  • usalpini

Gotica rosso sangue


copertinab

 


1945. Foto e memorie della
10a Divisione da Montagna USA in Italia

 

  A cura di Andrea e Giuliano Gandolfi

 



     Lo spirito di questo libro a dieci anni dalla precedente pubblicazione Sulle Orme di mio Padre, incentrato sulle memorie e fotografie di Cruz Rios, soldato nella compagnia K dell’87° reggimento della 10a Divisione da montagna americana nel 1943/1945, ne segue le stesse motivazioni.
     Gotica Rosso Sangue prende vita da un’altra collezione di fotografie a colori che ha attraversato l’Oceano Atlantico grazie a Stephanie, moglie di William Ferguson in forza, nel 1945, al distaccamento medico del 2° Battaglione dell’86° Reggimento, che ci ha concesso di utilizzarle per questo libro, e a Val Rios.

insieme foto x libroCome per il precedente libro questo patrimonio fotografico, unitamente ad alcune memorie di due ufficiali, un soldato e un graduato della 10a Divisione, non potevano andare dimenticati - se non perduti - in quanto rappresentano una testimonianza di un capitolo buio ma certamente il più rilevante della storia recente del nostro Paese. Più che il bianco e nero, le numerose foto a colori ci tramandano aspetti di vita e di luoghi talmente cambiati da essere irriconoscibili o sconosciuti alle nuove generazioni.
     Di questa prima e unica divisione di “Alpini” dell’esercito americano, inquadrata nel IV Corpo d’Armata della V Armata americana chiamata a fronteggiare i soldati tedeschi della 232a Divisione di fanteria schierati sulla seconda linea di difesa della Linea Gotica, nell’alto Appennino tra le provincie di Bologna, Modena e Pistoia, si è parlato relativamente poco in Italia e sopratutto in modo frammentato tralasciando il quadro d’insieme; per questo motivo il primo capitolo è dedicato alla storia, sino al 1945, della 10a Divisione da montagna americana.
     L’ultimo capitolo è dedicato al Museo Memorie d’Italia - 1939-1945 di Iola di Montese. Le collezioni di equipaggiamento, uniformi, armi e oggetti utilizzati tutti i giorni dai soldati degli eserciti contrapposti ben riflettono i punti di debolezza e di forza delle tecnologie, delle logistiche e dell’industria delle nazioni belligeranti.
Due sale del museo, riconosciuto in partnership dall’Associazione dei Discendenti della 10a Divisione da montagna, sono dedicate ai soldati dell’esercito americano con particolare riguardo allo specifico equipaggiamento dei “Mountaineer”.
     Ultimo, ma non meno importante, il ricavo di questo libro sarà un contributo alla costruzione del nuovo Museo Memorie d’Italia in cui saranno trasferite e sistemate in modo consono le collezioni della seconda guerra mondiale.
     Il libro, i cui testi sono bilingue in lingua italiana e inglese, è composto da 152 pagine di cui 76 sono dedicate a fotografie a colori delle quali 59 inedite.
     Un capitolo è dedicato alla storia della 10a Divisione da Montagna sino al novembre del 1945, data della sua smobilitazione.
     Tre nuove e moderne cartine su base satellitare illustrano il percorso della Divisione dalla Linea Gotica sino ai confini con la Slovenia passando per il lago di Garda.
     Quattro capitoli sono dedicate a memorie di due ufficiali, un sottufficiale ed un soldato della 10a Divisione.
     Un capitolo è dedicato alla collezione di fotografie a colori inedite scattate tra maggio e agosto del 1945.
     Un capitolo contiene le fotografie d'insieme delle collezioni del Museo di Iola di Montese, riconosciuto ufficialmente dalla 10th Mountain Division Descendant, Inc.
     L'ultimo capitolo, dedicato alle appendici, contiene alcuni articoli di approfondimento di cui uno tratto dal periodico Blizzard del 24 Marzo del 1945.

Caratteristiche del libro:

formato: 29,7 x 21 (A4)
copertina: rigida plastificata
pagine: 152
prezzo di vendita: 25 euro
ISBN: 9 788890 874345
Per informazioni:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Un Mattone per il Museo

Un Mattone per il Museo è il titolo di una iniziativa che prevede l'ampliamento del sistema museale attraverso la costruzione di una nuova struttura di circa 350 mq che diverrà il contenitore delle collezioni relative alla seconda guerra mondiale: Memorie d'Italia. 1939-1945. All'interno del documento Un Mattone per il Museo è visionabile anche un breve filmato in rendering che anticipa la bozza dell'allestimento interno.

Galleria foto di Bologna

Galleria dedicata a una serie di 21 fotografie a colori e inedite della Città di Bologna scattate nel luglio del 1945 da Bill Ferguson in servizio presso il distaccamento medico del 2° battaglione dell'86° reggimento della 10a Divisione da Montagna. L'intera collezione di 330 fotografie inedite scattate in Italia è, per quel tempo, di altissima qualità.


E' arrivata una Willys

La Willys che risale al febbraio del 1945Non poteva mancare l'arrivo di una classica Willys MB con matricola febbraio 1945, consegnata nel marzo 1945 e immatricolata in Italia nel 1947. Perfettamente equipaggiata di radio BC659, mitragliatrice Browning .30 e fucile Garand M1 (armi ovviamente disattivate). Impianto elettrico a 6 volts. Per gli appassionati una breve galleria di fotografie relative alle Willys/Ford nella seconda guerra mondiale e ai loro manuali di manutenzione e uso.

E' trascorso un secolo

Sono ormai trascorsi più 100 anni dall'inizio della Prima Guerra Mondiale. Grazie alla documentazione donata al museo da Bonzi Ezio e Andrea, abbiamo pensato di inserire una galleria fotografica dedicata al Cimitero degli Invitti poi "messo in ombra" dall'attuale Sacrario militare di Redipuglia. La collezione di fotografie è tratta da una ormai rara pubblicazione degli anni 20.

Fai una donazione

L'attività del museo si basa sul volontariato e sulle donazioni.

Una tua donazione può contribuire affinchè le nuove e future generazioni possano trarre insegnamento dal proprio passato.

Crediti

        Link all'accreditamento dell'Associazione discendenti della 10a Divisione da Montagna                       

Questo sito utilizza i cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.