• Montese

    La base della collina della Rocca vista da piazza della Repubblica all'inizio di via Panoramica.

  • Localtà Cappel Buso

    Soldati brasiliani. In primo piano una Browning M1919 A6.

  • Vignola.Modena

    Truppe brasiliane attraversano il fiume Panaro alla periferia sud di Vignola

  • Montese

    Vista del centro del paese visto da P.zza IV Novembre.

  • Mascarenhas de Moraes

    Il generale comandante della divisione di fanteria con alcuni abitanti.

  • Montese. Modena.

    Posto di pronto soccorso

  • Montese

    Soldati brasiliani giocano nella neve. Molti di loro non l'avevano mai vista prima.

  • Localtà sconosciuta

    Un soldato brasiliano in trincea

  • Montese 1945.

    La cartina dei combattimenti per la conquista di Montese

  • Montese

    Soldati brasiliani nel centro del paese.

  • F.E.B.

    Il percorso della divisione brasiliana il Italia

  • Montese

    Vista del paese dopo il passaggio del fronte. Il 90 per cento delle abitazioni erano inagibili

  • Sergente Max Wolff Filho

    Pattuglia di soldati brasiliani

La Força Expedicionária Brasileira (F.E.B.) sulla Linea Gotica

 Soldati brasiliani sbarcano a Napoli    La  FORÇA EXPEDICIONARIA BRASILEIRA (F.E.B.), forte di 25.334 soldati e comandata dal generale João Baptista Mascarenhas de Moraes, giunse in Italia tra il 2 luglio del 1944 e il 9 febbraio del 1945. La F.E.B era composta dalla 1a Divisione di fanteria brasiliana e dal 1° Gruppo di aviazione di caccia, dotato di aerei P47 Thunderbolt. L'equipaggiamento era carente, la divisa di ordinanza dei soldati di fanteria non era adatta ai climi freddi e alla neve che avrebbero incontrato sugli appennini - molti di loro non l’avevano mai vista e non avevano mai dovuto sopportare temperature di 20 gradi sotto lo zero - ed era anche troppo simile a quella dei soldati tedeschi. Le truppe brasiliane, appena sbarcarono a Napoli, furono completamente riequipaggiate ed addestrate dagli americani.

 

Le unità della FEB si schierarono il 5 novembre 1944 nell’area sottostante a Monte Castello, subito ad est di Monte Belvedere roccaforte  della seconda linea in profondità della Linea Verde, originariamente denominata Linea Gotica, difesa dalla 232a Divisione di fanteria tedesca composta da esperti veterani del fronte russo. Il primo assalto dei soldati brasiliani alle difese di Monte Castello, nella notte tra il 28 e 29 novembre, causò la perdita di 190 tra morti, feriti e dispersi. Un secondo attacco, sferrato il 12 Dicembre, portò alla perdita di 250 soldati tra morti, feriti e dispersi. 

     Nel febbraio del 1945 entrò in linea la 10a Divisione da Montagna americana, la prima e unica divisione americana di alpini, composta da esperti e addestrati alpinisti e rocciatori, che, nell’ambito dell’operazione Encore, attaccò con successo le postazioni di osservazione dell’artiglieria tedesca sui Monti della Riva nella notte tra il 18 e 19 febbraio e, alle 23 del 19 febbraio da tre direzioni diverse, il caposaldo tedesco di Monte Belvedere. Mentre gli americani avanzano verso Monte della Torraccia, nel territorio di Iola di Montese, alle 5.30 del 21 febbraio i soldati della della divisione brasiliana andarono all’attacco di Monte Castello e, dopo furiosi combattimenti, nel tardo pomeriggio ne conquistarono la cima mentre i tedeschi si ritiravano lungo la strada verso il paese di Castel d’Aiano che verrà occupato dagli americani il 5 marzo. L'attacco dei pracinhas ( così erano chiamati affettuosamente i soldati brasiliani) fu appoggiato dal 1° Gruppo da caccia brasiliano.

     Dopo una stabilizzazione del fronte per circa quaranta giorni, il 14 Aprile ha inizio l’Offensiva di Primavera che porterà allo sfondamento di tutte le difese tedesche sia sugli appennini che in pianura e ad una corsa verso la valle Padana e il fiume Po. La 1a Divisione di fanteria brasiliana venne dispiegata sulla sinistra dello schieramento offensivo con il compito di prendere il paese di Montese e le due colline, Monte Buffone e Montello, che lo sovrastano. Fu un combattimento durissimo, condotto tra il 14 ed il 18 aprile casa per casa, e, alla fine della battaglia, l’occupazione di Montese causò 34 morti, 382 feriti e 10 dispersi tra le file brasiliane. Il 17 Aprile il 3° battaglione del 6° reggimento raggiunse Montebuffone ma non riusci mai ad arrivare alla quota più alta. Quando il battaglione si ritrovò allo stremo dopo la perdita di decine di uomini, il comando brasiliano decise di sospendere l'attacco e mantenere le posizioni raggiunte. Il 18 Aprile il comando tedesco si rese conto che l'avanzata delle truppe americane della 10a Divisione da Montagna sul fianco verso Rocca di Roffeno rischiava di accerchiare le forze tedesche e decise così di sganciarsi dalle alture sovrastanti Montese e ritirarsi. Montese fu “ il palco della più ardua e sanguinosa vittoria dell’esercito brasiliano in Italia”.

     I tedeschi, Percorso della FEBdopo avere abbandonato le postazioni sui monti sopra Montese, si ritirarono verso Zocca continuando a bombardare, a colpi d’artiglieria, le linee brasiliane. Zocca viene liberata dai brasiliani il 21 aprile che raggiungeranno la strada fondovalle il 22. Il 23 aprile elementi del 6° reggimento entrano a Marano ed elementi del 11° reggimento entrano a Vignola. I due reggimenti si dirigono poi verso Piacenza, lungo la pedemontana, catturando, nella valle del Rio Taro ( Fornovo), quello che rimaneva della 90a Divisione Italia ed il suo comandante Generale Mario Carloni e della 148a Divisione di fanteria tedesca ed il suo comandante Generale Otto Fretter Pico. La fine della guerra in Italia vede la FEB verso Alessandria. Il bilancio finale delle operazioni oltre oceano della Forza di Spedizione Brasiliana riporta a 25.334 uomini che giunsero in Italia in 5 scaglioni, di cui 15.069 presero parte ai combattimenti con un bilancio di 451 morti, 1.577 feriti da arma da fuoco in zona di guerra, 487 feriti per incidenti in zona di guerra e 658 infortunati lontani dalla linea del fronte.

 

Bibliografia:

-          “A II guerra mundial .. O Brasil e Monte Castello” Memòria do Exército Brasileiro e do Jornal do Brasil. A cura della: Fundação Armando Alvares Penteado  Edizione: Ottobre 2005.

-          Dal Brasile a Montese ... storia, memoria e amicizia 1943 - 2008. Edizione: 2008

-          Cronologia della 10a Divisione da Montagna americana nella seconda guerra mondiale. A cura di John Imbrie  tradotta da Andrea e Giuliano Gandolfi  Edizione 2013.

Fai una donazione

L'attività del museo si basa sul volontariato e sulle donazioni.

Una tua donazione può contribuire affinchè le nuove e future generazioni possano trarre insegnamento dal proprio passato.

Crediti

        Link all'accreditamento dell'Associazione discendenti della 10a Divisione da Montagna                     

Questo sito utilizza i cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.